Come facilmente si evince il weekend è il momento in cui ho più tempo e serenità per dedicarmi alla cucina, alla ricerca di nuove idee e a nuovi esperimenti.

E la domenica per eccellenza racchiude questi impagabili momenti – specialmente se il tempo lascia un po’ a desiderare.

Mi sveglio ad un orario decente e decido di fare una capatina in palestra. Durante il tragitto inizio ad escogitare cosa realizzare per pranzo…

La voglia del Vietnam mista ad una vena di nostalgia – sono passate poco più di settimane dal mio rientro e già mi sembrano trascorsi secoli ☹ – mi fa propendere per una rivisitazione della zuppa di noodles ;). Ovviamente è praticamente impossibile reperire all’istante tutti gli ingredienti necessari per replicare fedelmente il piatto per cui scelgo di prendere una scorciatoia ed utilizzare alcuni escamotage.

Elemento fondamentale del piatto: il brodo.

Idealmente dovrei fare un brodo di carne o pesce e verdure aromatizzato…ma chiaramente non ho abbastanza tempo per farlo…per cui sfrutto un ingrediente di derivazione giapponese il Miso di riso – ovvero una sorta di pasta saporita ottenuta dalla fermentazione del riso ed utilizzata per la realizzazione della zuppa di miso.

Metto a bollire 200ml di acqua e metto in una ciotola un paio di cucchiaini di miso che faccio sciogliere con l’acqua bollente. Aggiungo al brodo così realizzato olio evo bio, una spruzzata di lime, zenzero fresco e se necessario per aumentare la sapidità del brodo un po’ di salsa di soya (il miso è già salato).

Nel frattempo a bollire acqua in una pentola in cui andrò a sbollentare i noodles di riso basmati integrale (va bene qualsiasi tipo di noodles di riso). Una volta in ebollizione verso i noodles e li lascio cuocere 5 min. Scolo i noodles e li metto direttamente dentro il brodo. Aggiungo germogli di ravanello o daikon e del tofu morbido (molto cremoso) per dare consistenza al piatto. I germogli di daikon conferiscono una sensazione allo stesso tempo di freschezza e croccantezza, inoltre il loro retrogusto piccante sopperisce all’assenza del peperoncino fresco.

Odoro il profumo delle erbe fresche, del lime, del pepe macinato fresco, prendo le bacchette ed ho la sensazione di tornare per un istante in Vietnam – in mezzo alle viottole ed agli scooter di Hanoi.

Facebooktwitterpinterest

Written by Eli Z

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *